Archivi autore: Stefania Segarelli

La vegetazione naturale di fondo valle, collina e montagna si alterna al tessuto agricolo, che è caratterizzato da ampie zone a prateria dedicate al pascolo. La zona di fondo valle è costituita soprattutto da salicacee, di cui la specie preponderante è il pioppo nero. La fascia collinare nella parte nord-orientale del territorio, costituita da marnosi e arenarie è coperta da…

Leggi tutto

Borbona (RI) è situata in un’ampia conca formata dal fiume Ratto, la cui valle si apre sulla sinistra dell’alto corso del Velino (1). Il paese, a 760 m s.l.m., circondato dalle grandi catene del Terminillo, della Laga, del Gran Sasso e dai loro contrafforti collinari, comprende le frazioni di Vallemare e Piedimordenti. «Accurati studi archeologici, condotti nei primi decenni del…

Leggi tutto

A Santa Restituta, patrona di Borbona, culto condiviso con la città di Sora, che ne contende il primato e la differente agiografia, è dedicata una piccola chiesa di altura, decentrata rispetto all’abitato della Terra. La chiesa si presente ridimensionata, ridotta a metà della sua originaria lunghezza, probabilmente a causa del terremoto che devastò la zona agli inizi del XVIII secolo;…

Leggi tutto

L’Associazione Pro-Loco Borbona, nata l’11 dicembre del 1984, svolge le sue attività sul territorio del Comune di Borbona con funzioni di: – promozione delle attività culturali– miglioramento estetico della località– tutela e valorizzazione delle bellezze naturali, artistiche e monumentali– incremento dell’attività ricettiva– promozione di festeggiamenti, gare, fiere, convegni, spettacoli, gite, escursioni. La Pro-Loco agisce in collegamento e con il coordinamento…

Leggi tutto

Progetto, memoria e futuro. Proposte per la Ricostruzione Post-sisma Prima della riedificazione a opera dei Padri riformati di San Francesco nell’anno 1616, il complesso sacro era adibito a monastero di Clarisse: queste nate come Ordine secondario francescano, furono nel XV secolo introdotte nell’Ordine benedettino –data l’impossibilità per le monache di appartenere a un Ordine mendicante. Questo convento, che apparteneva alla…

Leggi tutto

Sullo slargo dell’abitato della Terra –La Lama- in cui trova posto una fontana risalente agli anni dell’amministrazione di Margherita d’Austria (Oudenaarde, 5 luglio 1522 – Ortona, 18 gennaio 1586) e dietro la colonna in pietra calcarea locale rialzata dal piano stradale, luogo di prediche negli scorsi secoli, apre la chiesa dedicata a s. Anna, madre di Maria Vergine. L’edificio di…

Leggi tutto

A metà della piazza Martiri 4 Aprile, troviamo la chiesa dell’Assunta, già dedicata nel XVI secolo a Santa Maria Nuova. L’edificio si presenta asimmetrico per l’apertura, a destra, di una seconda porta; al di sopra un altorilievo benedettino del VII secolo, illustra il Miracolo di san Romualdo di cui fu testimone il santo patriarca di Norcia. All’interno del luogo sacro,…

Leggi tutto

In corso di restauro La Confraternita della Misericordia è sita sulle pendici a est della Lama, oggi in restauro. Detta confraternita si occupava della sepoltura dei morti e dell’assistenza ai malati; gestiva il locale ospedale e un monte frumentario dove i poveri potevano chiedere in prestito del grano che restituivano, senza pagare gli interessi, dopo il nuovo raccolto. L’edificio appartenuto…

Leggi tutto

Sulla strada per Montereale, decentrata rispetto a Borbona apre S. Michele Arcangelo, probabile punto sulla via micheliana che dalla Sagra piemontese, portava al S. Michele sul Gargano; dalla chiesa fu asportato, nel secolo passato, il bel quadro d’altare con l’effige del santo.

L’odierna chiesa di Santa Croce alla Lama (La Terra) al suo interno presenta un altare maggiore in stucco, a due ingressi, in cui spiccano le immagini di s. Elena, madre dell’imperatore Costantino e identificatrice della vera croce di Cristo e dal lato opposto, il sinistro per chi guarda, è riconoscibile s. Restituta, con la palma del martirio. Al centro dell’altare…

Leggi tutto

70/76